Specchio di Iyagbon

Spettacolo di
Juri Cainero, Beatriz Navarro e Samson Ogiamien

Compagnia teatrale
Onyrikon

Tipologia
Spettacolo itinerante

Date
Nuove date verranno comunicate prossimamente

Orario
21:00 (durata 1h30)

Biglietti: 

Consigliate scarpe da escursionismo

I grandi musei etnografici europei sono oggi in parte e a loro malgrado gli archivi pubblici di quello che è stato il sistema di sfruttamento e alienazione coloniale. Cosa possiamo restituire, recuperare, integrare, riciclare degli straordinari oggetti rituali in essi rinchiusi? E se lo chiedessimo alle maschere?

Un gioco di specchi tra culture, tra contemporaneo e ancestrale, tra musei europei e rituali africani.
Lo specchio di Iyagbon  è uno spettacolo multidisciplinare che s’interroga sui differenti regimi di significato incorporati da oggetti rituali divenuti oggetti d’arte. Fra  questi oggetti oggi custoditi nei grandi musei etnografici europei, si trova la maggior parte del patrimonio scultorio Africano, traslocato attraverso lo sfruttamento coloniale.

 
Molti manufatti, maschere e strumenti che possiamo ammirare nei musei
 sono stati inizialmente creati per uso rituale, poi acquistati, trovati o rubati per essere esposti. E se provassimo a invertire questo schema?
 
La compagnia Onyrikon, in collaborazione con lo scultore nigeriano Samson Ogiamien propone uno spettacolo itinerante che avrà luogo in diversi musei etnografici e festival d’arti sceniche in Svizzera ed Europa. In ognuno di questi luoghi la scultura di Ogiamien: Iyagbon, sarà prima esposta come oggetto d’arte e poi rubata per diventare oggetto rituale. Il pubblico sarà invitato a partecipare alla migrazione della scultura verso un sito esterno dove avrà luogo un rituale artistico, un tentativo di generare una comunità effimera intorno a un oggetto artistico-magico.
 
A gennaio 2020 Ogiamien parte per una residenza nella sua terra natale: Benin City in Nigeria, accompagnato da Cainero (regista della compagnia). Lo scultore discende da una famiglia da secoli legata alla tradizione reale di scultura in bronzo, nel 1897 il regno del Benin, inclusa la famiglia Ogiamien, sono stati vittime di una spedizione punitiva Britannica, un massacro e un saccheggio che distribuì migliaia di opere per l’Europa, Svizzera inclusa.
É a Benin City in collaborazione con i fonditori reali che la scultura Iyagbon viene forgiata, non si tratterà pero di un’opera tradizionale ma di una creazione contemporanea in linea con la natura transculturale del progetto.
 
A giugno 2020 Iyagbon viaggerà in Ticino ad Arzo, paese natale di Cainero, per una nuova tappa di sviluppo artistico alle cave di Arzo, luogo di natura e di cultura prezioso al regista.
 
Il pubblico sarà invitato ad assistere a un’anteprima dello spettacolo, adattato alle caratteristiche del suggestivo paesaggio delle cave. In questo contesto particolare, alcuni elementi di un museo etnografico verranno ricreati dalla compagnia e la creazione in situ metterà l’accento sulla seconda parte della proposta: il rituale artistico.
 

IL TEAM

Direzione artistica e regia
Juri Cainero

Co-direzione artistica
Beatriz Navarro e Samson Ogiamien

Coreografia
Beatriz Navarro

Scultura
Samson Ogiamien

Musica e arrangiamenti
Neda Cainero Juri Cainero

Direttore di scena
Daniele Bianco

Interpreti
Valentin Benoît Juri Cainero Neda Cainero Marco Chaigneau Victor Coste Beatriz Navarro Estelle N‘Tsendé Eva Poussel Florent Thiollier Alexia Vidal

Scenografia
Lucia Soldati

Luci e tecnica
Chloelie Cholot-Louis Simon Le Lagadec

Produzione / amministrazione
Jonas Sebastian Lendenmann
Caroline Delpero
Benoît Regnault
Stefanie Ogiamien

Grafica e Marketing
Giorgia Malizia e Nathan Bätscher

Consulente alla produzione
Ruth Widmer

 

Con il sostegno di: